Sicurezza e performance al centro per la spesa online di Despar Centro Sud

Iniziato nel 2019 grazie alla piattaforma ReStore, il progetto di digitalizzazione di Maiora (Despar Centro Sud) ha visto una costante crescita e raffinazione grazie all’introduzione del servizio Despar a Casa in sempre più punti vendita.

La piattaforma online e l’applicazione per dispositivi mobile Android e iOS sono state fondamentali per l’Azienda per garantire il miglior servizio anche durante i mesi di lockdown. Il tutto con grazie attenzione a sicurezza e privacy, nel rispetto delle normative europee GDPR, grazie al servizio in Cloud di Microsoft Azure, il quale garantisce anche un’ottima potenza computazionale e fornisce una serie di strumenti di analisi e intelligenza artificiale per monitorare costantemente lo stato della piattaforma e garantire la continuità del servizio.

L’utilizzo di questi servizi è stato fondamentale per Despar Centro Sud per rispondere tempestivamente al veloce aumento dell’attività su Despar a Casa sia nei primi mesi del 2020 che in autunno. Tra febbraio e aprile 2020, infatti, gli ordini online sono aumentati di 30 volte e di nuovo del 70% in autunno.

“Siamo orgogliosi del percorso di trasformazione digitale avviato insieme a Microsoft e ReStore, – afferma Pippo Cannillo, Presidente e AD di Maiora – che non solo ci ha aiutato a rimanere al fianco dei consumatori anche nei momenti più complessi ma che ci consentirà di rispondere in modo sempre più puntuale alle esigenze dei clienti dei nostri 386 punti vendita, migliorando l’esperienza d’acquisto online in linea con i più elevati standard qualitativi e tecnologici”.

Ne parlano:

Il Sole 24 Ore, 19 gennaio 2021
“L’e-com di Despar con Microsoft-ReStore”

Distribuzione Moderna, 19 gennaio 2021
“​Maiora, Microsoft e Restore portano i punti vendita Despar sul cloud”

EFA News, 18 gennaio 2021
“Maiora, Microsoft e ReStore portano Despar sul cloud”

GDO News, 18 gennaio 2021
“Maiora, Microsoft e ReStore portano i punti vendita Despar sul Cloud per servire i clienti anche durante la pandemia”